Category Archives: post in italiano

Letture bilingui

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

Il 26 settembre è la giornata europea delle lingue e in quest’occasione vi voglio parlare di una casa editrice che ha messo le lingue al centro del suo progetto editoriale: si tratta di Dadoclem, un editore di Bordeaux.

Creata da due ex professori universitari, Dadoclem è una casa editrice a conduzione familiare che propone non soltanto libri in francese, ma anche edizioni bilingui, con lo scopo di educare i bambini di oggi ad altre culture partendo dalla scoperta delle lingue. La sua fondatrice, Danica Urbani, nata a Belgrado e cresciuta a Parigi, ha voluto creare una casa editrice con un’apertura internazionale, utilizzando anche le nuove tecnologie (molti titoli sono disponibili anche in digitale).

Il catalogo di Dadoclem conta infatti le serie “La marmite aux langues” e “les mini bilingues” che propongono delle storie in due lingue: il testo in francese è accompagnato da un testo in inglese, spagnolo, portoghese, italiano, ma anche cinese, corso e latino. Secondo la fondatrice, l’inglese è una lingua molto richiesta, ma per la quale c’è anche molta concorrenza sul mercato, mentre per altre lingue minoritarie la domanda è in aumento.

Libri in inglese, una lingua molto richiesta.

Libri in altre lingue minoritarie, ma sempre più richieste.

Per saperne di più su questo progetto editoriale, potete ascoltare l’intervista a Danica Urbani di Carabistouilles, una trasmissione delle letterature francofone per ragazzi, a questo link.

Alcune opere hanno anche delle risorse pedagogiche per gli insegnanti. Troverete, per esempio, delle attività per il libro “Les enfants de Sicile”, bilingue franco-italiano, a questo link.

fiche-les-enfants-de-sicile-1

Per quanto riguarda il pubblico, la serie “La marmite aux langues” è concepita per i bambini a partire dagli 11 anni, mentre “les mini bilingues” sono consigliati a partire dai 6 anni, ossia quando i bambini iniziano a leggere. A mio parere, possono essere comunque letti anche a bambini più piccoli o a dei bambini che imparano una lingua straniera e non padroneggiano ancora la letture nella seconda lingua. 

Per i più piccoli, “les mini bilingues”!

Per altri consigli di lettura in occasione della giornata europea delle lingue, vi rinvio agli articoli  “Hello everyone!” et “Tutti poliglotti!”

Ritrovate i titoli di Dadoclem!

The big wave

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

In estate molti bambini passano le vacanze al mare, per questo proporre loro dei libri che parlano di mare, oceano e sport acquatici può suscitare la loro curiosità in questo periodo dell’anno. Ho già proposto diverse letture aventi come argomento il mare o gli sport d’acqua come il surf, ma ci tengo a proporre un albo illustrato appena uscito negli Stati Uniti: “Maya and The Beast”, scritto dalla campionessa di surf Maya Gabeira e illustrato da Ramona Kaulitski (Abraham books, 2022).

Maya-coverNon ci sono molti libri per bambini che parlano di surf, sport poco praticato dai più piccoli ma che può diventare molto simbolico ed evocare il coraggio di affrontare le proprie paure. L’anno scorso ho parlato dell’albo  “Mop Rides the Waves Of Life” scritto dal surfista e maestro di yoga Jaimal Yogis, che collega il surf allo yoga e alla sua filosofia di vita. Anche “Maya and The Beast” vuole insegnare ai bambini una filosofia di vita: imparare ad affrontare le proprie paure e a lottare contro gli stereotipi di genere, per esempio.

“Once upon a time, in a fishing village called Nazaré, there lived a Beast.” 

Inizia così la storia di Maya Gabeira, una surfista brasiliana che vive a Nazaré. La “bestia”, è una grande onda che può raggiungere l’altezza di un edificio di sette piani e che si abbatte sulla costa con una tale potenza che le finestre delle case del villaggio vibrano. La gente ha paura di questa enorme onda, e Maya, una bambina che soffre di asma, sa bene che non dovrebbe avvicinarsi alla “bestia”. Quando però vede dei ragazzi che fanno surf nell’oceano, Maya è intrigata e decide di imparare a cavalcare quest’enorme onda. 

Per allenarsi, Maya deve affrontare delle difficoltà: per esempio, tenere conto della sua asma e sconfiggere i pregiudizi della gente che crede che una bambina non abbia le stesse capacità fisiche dei maschi. 

Ecco un’intervista all’autrice, in cui ci racconta come è nata l’idea di questo libro:

Concepito durante la pandemia, quando l’autrice non poteva allenarsi, “Maya and The Beast” può essere un’ispirazione sia per i bambini che per i genitori e gli insegnanti di lingue, in quanto è uno strumento molto interessante per chi che impara l’inglese come lingua straniera. Può aiutare ad imparare il lessico del mare e del surf, o ripassare alcune regole grammaticali, quali il comparativo e il superlativo, per esempio nell’incipit del libro (“it could be taller than…, bigger than… the biggest animal to ever exist.”)

Per accompagnare la lettura con delle attività, vi consiglio i disegni da colorare scaricabili sul sito dell’illustratrice a questo link

RamonaK-freecolouringsheet5

Per continuare sul tema del surf, vi consiglio l’abecedario  “The Alphabet of Waves”, che propone per ogni lettera dell’alfabeto una parola della terminologia del surf. 

Per altri suggerimenti di libri sul surf, vi rinvio all’articolo “Everybody’s gone surfin’!”

Buona lettura!

All’abbordaggio!

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

Finalmente le vacanze estive! Dopo un altro anno scolastico complicato, spesso segnato da quarantene a ripetizione, i bambini sono finalmente liberi di giocare senza costrizioni. All’aria aperta o in un appartamento di città, la loro immaginazione non ha limiti, aiutiamoli dunque con letture che stimolino la loro fantasia e i sogni di avventure.

In un mondo pieno di incertezze, vi propongo si ritornare ai grandi classici: le storie di pirati, per esempio, aiuteranno i nostri bambini a superare le loro paure e ad osare avere fiducia nel futuro. La scelta di libri sull’argomento è immensa: dai libri cartonati per i più piccoli, ai fumetti per i grandi, passando per i dizionari illustrati, gli albi di figurine o le letture graduate.

HowToBeAPirate-coverPer cominciare, vi propongo un libro che ha attirato la mia attenzione in quanto la protagonista è una bambina: “How To Be A Pirate”, scritto da Isaac Fitzgerald e illustrato da Brigette Barrager (Bloomsbury Children’s Books, 2020). È la storia di una bambina che si vede rifiutato il diritto di giocare ai pirati dai suoi amici in quanto è una femmina. La protagonista si  reca allora da suo nonno in cerca di una spiegazione. Per diventare un pirata, spiega il nonno, bisogna avere queste qualità: essere coraggiosi, rapidi, divertenti, indipendenti e, soprattutto, bisogna volersi bene.

Da un punto di vista linguistico, questo albo insegnerà ai bambini alcuni aggettivi, come brave, quick, fun, independent. Si potrà proporre loro di fare delle frasi per descriversi, usando gli aggettivi del libro oppure altri, come fa Cece alla fine della storia:

“I’m brave! I’m quick! I’m independent! I’m fun!”

Ecco l’autore che legge la sua storia:

Per integrare la lettura con delle attività, gli albi di figurine della Usborne saranno perfetti, come “Little First Stickers Pirates”.

In classe come a casa, l’album “Port Side Pirates!” della Barefoot books sarà perfetto per un karaoke in inglese!

Per quanto riguarda i più piccoli, la Usborne, nella serie “That’s Not My”, ha pubblicato “That’s Not My Pirate”; ai più grandi che hanno una buona conoscenza della lingua inglese, si potrà proporre il classico “Treasure Island”, in versione integrale o come lettura graduata, come quello pubblicato dalla Usborne.

Se cercate delle letture in francese, il libro “Les pirates”, della serie “Mes docs animés” (Milan, 2017) sarà molto utile per insegnare un po’ di lessico ai bambini francofoni e non.

Lespirates-doc-cover

Les-nouveaux-pirates-coverPer quanto riguarda i fumetti, i titoli non mancano: “Les nouveaux pirates”, di Lionel Richerand (La joie de lire 2015), consigliato a partire dai 6 anni, racconta la storia di un bambino che adora le storie di pirati e che un giorno risveglia il fantasma di un pirata locale.

Per i più grandi, “Histoires des plus fameux pirates” è un fumetto pubblicato da Delcourt nel 2009, ed è tratto dall’opera di Daniel Defoe. Sono disponibili due volumi: “Capitaine Kidd” e “Barbe Noire”. Per altri consigli di letture biografiche, vi rimando all’articolo “What a life!”

Non vi resta che levare le ancore! Buon viaggio!

What a life!

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

La vita dei personaggi famosi è sempre stata una grande ispirazione per bambini e adolescenti: scienziati, esploratori, cantanti, attori, musicisti, politici… Ognuno di noi cerca un modello che possa ispirarlo, un esempio che dimostra che certi sogni possono realizzarsi. I bambini e gli adolescenti di oggi hanno bisogno di questo, perché non gli abbiamo lasciato più molto spazio per sognare.

Leggere delle biografie di personaggi famosi può essere utile non solo come ispirazione, ma anche per migliorare una lingua straniera: in effetti descrivere dei personaggi è una delle attività classiche nell’insegnamento delle lingue.

Di biografie se ne trovano in tutti i formati e per tutti i livelli linguistici e le fasce di età. Mi concentrerò qui essenzialmente su dei formati che possono essere abbordati da bambini non bilingui. La scelta è tra albi illustrati, letture graduate e fumetti.

Per quanto riguarda gli albi illustrati, vi consiglio la collana “Little People Big Dreams” concepita dall’autrice Maria Isabel Sánchez Vegara di cui vi riporto una presentazione:

Si tratta di albi illustrati che parlano ognuno della vita di un personaggio famoso con frasi semplici e illustrazioni molto colorate. Per questo motivo sono adatti a dei lettori non anglofoni tra i 6 e gli 11 anni. Potete scoprire la collana qui.

Greta Thunberg, Coco Chanel, Charles Darwin, Audrey Hepburn… personalità appartenenti ad epoche diverse e avanti molteplici talenti: c’è di che trovare la propria ispirazione!  

Per i più grandi si possono considerare le letture graduate, per esempio la serie della Usborne “Young Reading” level 3, nella quale si possono trovare le biografie di Martin Luther King, Anne Frank, Nelson Mandela, Henry VIII, Florence Nightingale, Queen Victoria, Cleopatra… Con il Giubileo della Regina Elisabetta II, particolarmente azzeccato sarà il titolo “Queen Elizabeth II”, pubblicato per l’occasione.

Sempre per i 10-14 anni, le “graphic novels” costituiscono un formato molto interessante e perfettamente adatto ai loro gusti. Le edizioni Sunbird hanno una collana di graphic novels dedicata ai personaggi famosi: Josephine Baker, Amelia Earhart, Marie Curie… solo biografie di donne eccezionali! I testi sono di facile comprensione, quindi li si può tranquillamente proporre a dei bambini o giovani adolescenti che imparano l’inglese come lingua straniera.

Sul sito della Sunbird books troverete anche delle schede scaricabili.

Per quanto riguarda il francese, Casterman pubblica molti fumetti di ogni genere. Tra le biografie, si trova la vita di Molière, Charlemagne, Van Gogh, Leonardo da Vinci.

Attività sulle biografie

Dopo la lettura, si può chiedere ai bambini di fare una scheda del personaggio: nome, data di nascita e morte, nazionalità, professione, ecc. Si aggiungeranno più informazioni a seconda del livello linguistico degli allievi. 

Si potranno anche fare schede di più personaggi famosi con il loro ritratto (si possono utilizzare anche le copertine dei libri letti) e giocare a “indovina chi?”. Si potranno fare allora domande come: “Est-ce un homme?” “Est-ce une femme?”, “Est-ce qu’il/elle est américain/américaine?” “Est-ce qu’il/elle est chanteur/chanteuse”, ecc. O per l’inglese “Is it a man/woman?” “Is he/she American?”, “Is he/she a singer?” Si tratta di un’attività che piace sia ai bambini che agli adulti e permette di parlare ed interagire in lingua.

Allora, qual è il personaggio dell’anno?

Scoprire anche il personaggio di Frida Kahlo nell’articolo “Alla scoperta di Frida Kahlo”!

Caccia alle uova di Pasqua!

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

Finalmente le vacanze di Pasqua! Ecco i nostri consigli di lettura per questa festa, adatti anche ai bambini che imparano il francese e l’inglese come lingua straniera.

LePremierOeuf-cover-ovaleTra i numerosi libri per bambini, Le premier œuf de Pâques, scritto da Zemanel e illustrato da Amélie Dufour (Flammarion 2013) ha catturato la mia attenzione sia per il suo contenuto che per il suo formato: un libro a forma di uovo! È stato pubblicato anche nel formato rettangolare nella serie “Les albums du Père Castor”.

È la storia di Poulette, una gallina che ha fatto il suo primo uovo e vuole mostrarlo alla Regina delle galline che, ad ogni inizio di primavera, designa l’uovo più bello. Ma Poulette ha talmente fretta che l’uovo continua a caderle di mano!

Riuscirà a partecipare alla festa delle uova? Ecco una spassosa lettura fatta dall’autore stesso:

La storia è una bella occasione per lavorare sulla comprensione delle cause e delle conseguenze, tramite, per esempio, delle immagini da rimettere in sequenza. Si potrà anche lasciare che i bambini immaginino cosa succede ogni volta che l’uovo cade o far loro decorare l’uovo secondo le diverse tappe della storia. Ecco una scheda che ho creato:

LePremierOeuf-coloriage-oeufs

Da maternelle bambou troverete a questo link delle attività incentrate sul libro, tra cui delle schede sui personaggi e una scheda personaggio/animale.

L’albo è utile anche per imparare  i nomi in francese di alcuni animali come “la poule”, “le cochon”, “le rossignol”, “l’autruche”, “l’aigle”.

Dello stesso autore, vi consiglio anche Les trois petits lapins, pubblicato da Flammarion nel 2019.

We'reGoingOnAnEggHunt-coverSe cercate un albo sulle uova di Pasqua in inglese, vi consiglio We’re Going On An Egg Hunt, scritto da Martha Mumford e illustrato da Laura Hughes, una storia che ricalca quella del celebre libro di Michael Rosen We’re Going On A Bear Hunt. La lettura della storia è animata inoltre da un sacco di finestrelle da aprire!

Potete ascoltare qui l’intera storia:

Dopo la lettura, pensate a tenere occupati i bambini con dei disegni da colorare. Colouring  Book Easter di Usborne, per esempio, propone non soltanto dei disegni da colorare, ma anche delle cose da cercare e altre attività.

Per altri consigli di lettura sul tema della Pasqua, vi rimando ai miei post qui et qui.

Joyeuses Pâques! Happy Easter! Buona Pasqua!

Favole e mindfulness

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

In un periodo così difficile in cui siamo costantemente confrontati a notizie inquietanti, come rassicurare i nostri bambini, se manifestano paure riguardanti guerre o pandemie? Le storie possono venirci in aiuto. Per questo le fiabe, con i loro personaggi simbolici, sono particolarmente utili: per consigli di lettura vi rimando al mio post sulle favole. Anche lo yoga è una pratica molto utile per superare le proprie paure e trovare il proprio equilibrio. Per consigli su come utilizzare lo yoga per imparare una lingua straniera, vi rimando al mio post “Learn English with yoga”

Concepita per combinare le fiabe e la mindfulness, la serie scritta da Susan Verde “Feel-good Fairy Tales” mi sembra perfetta per tranquillizzare i bambini in questi momenti difficili. 

Due titoli sono già stati pubblicati, The Three Little Yogis and The Wolf Who Lost His Breath e The Tossy-Turny Princess and The Pesky Pea e un terzo titolo, Tortoise and Hare, uscirà a breve. Ispirati alle fiabe classiche, ogni titolo è concepito per aiutare i bambini a superare un problema specifico: il primo serve a controllare la propria rabbia e sentirsi meglio, il secondo a trovare il sonno e l’ultimo a trovare il proprio equilibrio

TheThreeLittleYogis-coverThe Three Little Yogis and The Wolf Who Lost His Breath ha come sottotitolo “a fairy tale to help you feel better”. I personaggi della fiaba classica sono confrontati ad una situazione piuttosto diversa: il lupo ha perso il suo fiato e, quando è arrabbiato, non riesce più a sfogarsi! Incontra allora i tre porcellini che lo aiutano a superare la rabbia facendo yoga. La lettura può essere seguita da una pratica di yoga adatta ai bambini. Per questo il libro si adatta perfettamente ad essere usato per uno yoga story time.

Ecco l’autrice Susan Verde che legge la sua storia e ci guida in una semplice pratica yoga:

Sul sito dell’autrice, potete scaricare delle attività sul libro a questo link.

TheTossy-TurnyPrincessAndThePeskyPea-coverIl secondo albo della serie, The Tossy-Turny Princess and The Pesky Pea, ha come sottotitolo “a fairy tale to help you fall asleep” e in effetti la fiaba classica diventa uno spunto per affrontare il problema dei bambini che fanno fatica a prendere sonno e propone degli esercizi di respirazione e delle posizioni di yoga che aiutano a rilassarsi.

Troverete delle attività sulla storia scaricabili a questo link.

TortoiseAndTheHare-coverTortoise and Hare, presto disponibile all’acquisto, ha come sottotitolo “a fairy tale to help you find balance” e utilizza la favola classica della lepre e della tartaruga per mostrare due modi opposti di affrontare le cose: la lepre fa tutto velocemente e con molta energia, ma non presta attenzione alle cose, mentre la tartaruga è molto più lenta, ma fa attenzione a tutto quello che la circonda. Cosa succederà quando i due vicini si confrontano? Il libro propone anche degli esercizi per trovare il proprio equilibrio.

Utilizzando un linguaggio semplice e delle illustrazioni che mostrano bene lo svolgersi della storia, tutti e tre i libri sono adatti anche a bambini che imparano l’inglese come lingua straniera.

Se volete saperne di più su come strutturare uno “yoga story time”, consultate l’articolo a questo link.

Per altri consigli di lettura utili in caso di stress, vi consiglio l’articolo “Healing books”.

Racconto d’inverno

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

Le-lapin-de-neige-coverApprofittiamo delle giornate corte e fredde per scoprire nuovi libri! Sul tema dell’inverno e della neve, la scelta è ampia, anche tralasciando i libri sul Natale: vi ho già presentato “Jour de neige” di Delphine Chedru, “Une rencontre” di Camille Garoche e “Devine qui fait quoi” di Gerda Muller. I tre hanno in comune il fatto che sono libri senza parole, ossia la storia viene raccontata solamente attraverso le illustrazioni.

Nello stesso stile, vi consiglio “Le lapin de neige”, anche questo illustrato dalla bravissima Camille Garoche e pubblicato nel 2015 da Enchanted Lion Books con il titolo di “The Snow Rabbit”, poi nel 2016 da Casterman.

L’album è un vero capolavoro. Grazie alla tecnica del “papier découpé”, le immagini hanno una prospettiva straordinaria: alcuni elementi e personaggi sono in primo piano, altri appaiono sfuocati sullo sfondo.

Anche la luce ha un ruolo importante: compare dietro ad una porta socchiusa o dietro le finestre di sera.

La storia ha un carattere fantastico: è inverno, una bambina esce di casa per andare a fare un coniglio di neve per la sorella, che la guarda da dietro alla finestra. La bambina rientra in casa con il coniglio di neve per darlo alla sorellina (che scopriamo essere in sedia a rotelle), ma questo inizia a fondere. Le due bambine decidono allora di uscire e si dirigono verso la foresta, quando, all’improvviso, il coniglio prende vita e scappa.

Le bambine cercano di raggiungerlo, ma la sedia a rotelle si impiglia in un cespuglio e la sorellina non riesce più ad avanzare. Mentre le due bambine sono prigioniere nella neve, alcuni animali le osservano dai loro nascondigli: degli uccelli, un gufo, un lupo, una volpe… anche il coniglio di neve si gira. Ci si rende conto allora che è diventato così grande da potere portare a casa le bambine.

Come utilizzare questo splendido “silent book”?

Si può raccontare la storia ai bambini mentre si mostrano le illustrazioni, si può chiedere ai bambini di raccontarla (questo solo nel caso di bambini che padroneggiano bene l’uso della lingua target) si può raccontare la storia e fare ogni tanto delle domande: per esempio quando la bambina apre la porta di casa, si può chiedere d’immaginare cosa pensa o dice.  Ogni bambino si esprimerà secondo la propria età e la propria capacità linguistica.

Il libro offre una bella opportunità per imparare il lessico del meteo (il fait froid, il a neigé… ), delle stagioni (l’inverno) o i nomi degli animali che compaiono nelle pagine. Questo lavoro linguistico può essere fatto in qualsiasi lingua e adattarsi al livello degli studenti.

Per farvi venire voglia di adottare questo magnifico libro, vi invito a sfogliarlo con noi!

Se siete curiosi di conoscere da dove viene l’idea di un libro senza parole, ascoltate questa breve intervista all’autrice, fatta in occasione del Salon du livre et de la presse jeunesse de Montreuil nel 2016.

Alla ricerca di Babbo Natale

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

A-la-recherche-du-Père-Noël-coverNatale si avvicina: è il momento di ricominciare con le nostre storie sotto l’albero! Quest’anno vi propongo l’albo “A la recherche du Père Noël” di Thierry Dedieu, pubblicato da Seuil Jeunesse nel 2015. Si tratta di una storia molto classica: un piccolo pupazzo di neve parte alla ricerca di Babbo Natale. Vuole raggiungerlo in Lapponia e offrirgli dei campanelli per le renne. Si tratta di un lungo viaggio e il pupazzo di neve non conosce bene la strada. Ogni volta che si perde, chiede la strada agli animali che incontra sul cammino, ma ogni animale gli chiede in cambio qualche cosa.

Riuscirà a trovare Babbo Natale e soprattutto ad offrirgli qualcosa in regalo?

L’albo è molto interessante per dei bambini che imparano il francese come lingua straniera in quanto il testo è piuttosto semplice e la situazione si ripete, quindi è facile per il lettore capire quello che succede. Il dialogo tra il pupazzo di neve e gli animali si ripete: “Je suis perdu, peux-tu m’indiquer le chemin pour rejoindre le Père Noël?” dice ogni volta il pupazzo di neve. E gli animali rispondono: “Et qu’as-tu à m’offrir en échange?”

A-la-recherche-du-Père-Noël-rencontre

 

L’albo sarà perfetto per imparare i nomi degli animali in francese: le rouge-gorge, le corbeau, le cerf, le renard, le lapin, le loup, l’ours, e delle parti del pupazzo di neve (carotte, écharpe, chapeau).

Si potrebbe anche utilizzarlo per insegnare come dare indicazioni: continue vers le Nord, traverse la forêt, dirige-toi vers la montagne, ecc. Si potrebbe anche disegnare una mappa con la strada che il pupazzo di neve deve percorrere per arrivare da Babbo Natale.

A-la-recherche-du-Père-Noël-paysage

La ninna nanna che il pupazzo di neve canta all’orso è un classico: i bambini saranno entusiasti di cantarla durante la lettura! Ecco un video che vi aiuterà ad insegnarla ai bambini:

Per quanto riguarda il formato, le dimensioni dell’albo sono perfette per una lettura ad un gruppo di bambini: le immagini sono abbastanza grandi perché tutti possano vederle anche a distanza. 

Se cercate una storia in inglese sullo stesso tema (la ricerca di Babbo Natale), vi rimando al mio articolo su  “The Christmas Wish”.

A-la-recherche-du-Père-Noël-PèreNoelBuona lettura!

Boo!

Pour lire cet article en français, cliquez ici.

Halloween si avvicina e probabilmente molti di voi sono alla ricerca di qualche nuova storia da paura da leggere coi bambini, a casa o in classe. 

Per i più piccoli, preferite storie con un linguaggio semplice e illustrazioni accattivanti.

Sarà anche un ottimo criterio di scelta se i bambini stanno imparando una lingua straniera. Giocare a fare paura è anche un elemento essenziale per avere successo presso un pubblico giovanile.

Bouh-coverPer i piccoli francofoni, provate un albo che mette in scena una situazione classica: un giovane fantasma che deve esercitarsi a far paura. “Bouh! Le livre qui fait le plus peur du monde”, scritto e illustrato da Antonin Louchard (Seuil Jeunesse, 2016) parla di un piccolo fantasma che cerca invano di spaventare il lettore, ma il suo “bu” a quanto pare non risulta molto spaventoso! Riuscirà a fare i compiti assegnati oppure il lettore sarà così coraggioso che niente lo spaventerà?

Lo scopriremo con questa lettura a voce alta! Il libro sarà perfetto per una lettura interattiva in classe o a casa.

Per aiutare i bambini ad esprimersi, soprattutto nel caso di bambini non francofoni o bilingui che non hanno però molte occasioni di parlare francese, potete chiedere di raccontare la storia e spiegare cosa succede secondo loro alla fine: il lettore ha avuto paura oppure no? 

Potete usare l’albo anche per descrivere il fantasma, introdurre i membri della famiglia (chi chiama “a tavola”?, chi interviene alla fine della storia?) o ancora per introdurre il lessico del cibo (cosa mangia il fantasma?).

TheLittleGhostWhoLostherBoo-coverPer i piccoli anglofoni, sempre sull’argomento di fantasmi e bu, vi consiglio “The Little Ghost Who Lost Her Boo”, scritto da Elaine Bickell e illustrato da Raymond McGrath. È la storia di una fantasmina che ha perso il suo “bu” e si mette alla sua ricerca. Incontra man mano degli animali che si dichiarano pronti a prestarle il loro verso, ma la fantasmina vuole ritrovare ad ogni costo il suo di verso! 

Il testo è in rima, il che rende la lettura a voce alta particolarmente piacevole.

È da notare che tutti i versi degli animali in inglese rimano con “boo”! Si potrebbe chiedere ai bambini di fare il verso di ogni animale al momento opportuno della storia: la cosa li divertirà e renderà la lettura interattiva. Per i non anglofoni è anche una buona occasione per imparare i nomi degli animali e il verso che fanno… in inglese! Perché, lo sappiamo bene, anche gli animali fanno dei versi diversi a seconda delle lingue: sapete, per esempio, che i galli inglese fanno “cock-a-doodle-doo”?

Se volete approfondire il lavoro sui versi degli animali nelle diverse lingue, vi consiglio sul sito della Giornata Europea delle Lingue, il documento scaricabile “animal sounds”

Vi propongo anche la scheda che ho creato sui personaggi della storia e il loro verso.

The Little Ghost Who Lost Her Boo-worksheet

La fantasmina riuscirà a ritrovare il suo “bu”? Scopriamolo con questa lettura a voce alta fatta da una bambina: un ascolto utile per convincere anche i bambini più timidi o reticenti a lanciarsi nella lettura!

Se siete curiosi di scoprire come è nato questo albo, vi rimando all’intervista all’autrice fatta da Nzbooklovers.

Per altri suggerimenti da paura, leggete i post It’s Halloween story time, Ready for Halloween, Finalmente Halloween, Ghostly Halloween, Un fantasma per amico.

Sulle onde della vita

Pour lire l’article en français, cliquez ici.

La fine delle vacanze d’estate si avvicina e molti bambini tra poco ritorneranno a scuola. Nell’incertezza di un nuovo anno scolastico pieno di restrizioni dovute alla pandemia, lo stress è alle porte!

Per preparare un rientro sereno, meglio iniziare subito, prevedendo dei momenti di relax per ritrovare il proprio centro. Yoga e meditazione sono degli strumenti molto efficaci. 

SaltwaterBuddha-cover

© atelierstorytime

Per aiutare la transizione tra bagni in mare e banchi di scuola, vi consiglio una lettura speciale: i libri “Mop Rides the Waves of Life” e “Mop Rides the Waves of Change”. L’autore, Jaimal Yogis, è uno scrittore, giornalista, surfista e maestro Zen americano, oggi padre di tre bambini. Prima di dedicarsi alla scrittura di libri per bambini, ha scritto libri per un pubblico adulto, tra cui il celebre “Salwater Buddha”, in cui ci racconta come è riuscito a coniugare surf e filosofia buddista per trovare il suo equilibrio interiore.  Da questo libro è stato fatto anche un film, di cui vi presento il trailer:

Potete guardare l’intero film a questo link. Il libro, ovviamente, sarà una bellissima lettura per gli adolescenti e gli adulti che hanno una buona conoscenza della lingua inglese.

MopRidesTheWavesOfLife-coverPer aiutare i bambini a comprendere i principi della mindfulness e a controllare le proprie emozioni, Jaimal Yogis ha scritto “Mop Rides the Waves of Life”, pubblicato nel 2020 da Parallax Press, la casa editrice  dell’ONG Parallax, fondata dal maestro Zen Thich Nhat Hanh.

Grazie anche alle illustrazioni di Matthew Allen, il libro spiega ai bambini come surfare sulle onde delle emozioni con semplici esercizi di respirazione.

Il protagonista, Mop, un bambino dai capelli ricci (da qui il suo soprannome), ci racconta le sue difficoltà ad affrontare emozioni negative come la paura, la rabbia, la tristezza e come è riuscito a superarle.

Ecco una lettura del libro fatta dall’autore:

Da un punto di vista linguistico, il libro è molto utile per introdurre le emozioni in inglese (fear, anger, sadness, shame, gratitude, love, joy), i giorni della. settimana e le espressioni introdotte da “I love”. Da notare: l’autore utilizza l’espressione “I love to + infinito”, tipicamente americana, nell’inglese britannico si usa più frequentemente la forma “I love + ing”. È un’occasione per spiegare questo diverso uso del verbo ai bambini, spesso in difficoltà quando devono parlare di quello che amano fare.

MopRidestheWavesofChange-CoverQuest’estate è uscito un secondo albo della serie: “Mop Rides The Waves of Change”, in cui Mop, il protagonista, deve di nuovo confrontarsi con un sentimento molto forte: la rabbia di fronte ad atteggiamenti non molto ecologici di alcuni suoi amici.

Quest’avventura ha un tono molto più ambientalista: vuole sensibilizzare i bambini ai problemi dell’inquinamento marino. Riusciranno Mop e i suoi amici a trasformare la rabbia in azione positiva?

Per quanto riguarda l’aspetto linguistico, questo albo è leggermente più complesso rispetto al primo: le frasi sono più lunghe, anche perché l’argomento è più complesso da spiegare.

Per darvi un’idea, ecco il trailer del libro:

Per altri suggerimenti sullo yoga con i bambini vi rimando agli articoli Learn English with yoga e Yoga story times. Per suggerimenti di libri sulla protezione degli oceani, potete leggere E se i pesci scomparissero? ou Attenzione piccola tartaruga!

thelibraryteacher

Ideas & inspiration about Information Literacy Instruction

infuso di riso

perchè nella vita ci sono poche ore più gradevoli dell'ora dedicata alla cerimonia del te pomeridiano (H. James)

Quante storie per creare!

storie da ascoltare ed idee per creare con la fantasia

Piccoli Camaleonti

Il blog sul bilinguismo per genitori intrepidi

Cap sur le FLE !

Pour apprendre et enseigner le Français Langue Etrangère

Le blog d'Orianne

Rencontres, livres, grenouilles, grains de café et autres émerveillements

Ladybird Education

learning languages through stories

PEPELT

Giving teachers confidence to use picturebooks in Primary English Language Teaching

English House ABC

sharing educational activities for kids & young learners & primary ESL students

bee & barlie's books

English Children's Books: Writing for other Expat families

Only Voice Remains

Parisa Mehran

The Little English Library

supporting young English Speakers & Learners in the Netherlands

Oxford University Press

English Language Teaching Global Blog

i libri di Camilla

libri per andare lontano

Susan Verde

learning languages through stories

marthamansstudio

Blog about the art and projects of Martha Mans

Camelozampablog

Il blog di Camelozampa

International Book Giving Day 2022

#bookgivingday 14th February 2022

Children's Books Heal

Always remember that you are absolutely unique. Just like everyone else. -- Margaret Mead

Picture This! Teaching with Picture Books

Focusing on the Six Traits of Writing, Reading Strategies, Motivation, and Nonfiction